Nuova veste grafica per ChatMe

Quando ChatMe è nato, ormai diversi anni fa, per realizzare il sito web che pubblicizza i servizi era neccessario trovare un template wordpress che permettesse di fare in fretta e di gestire tutte le impostazioni online senza neccessità di scrivere codice.

Dopo un attenta analisi delle varie proposte disponibili, molto poche, abbiamo scelto pagelines platform, un sistema drag&drop che realizzava tutto e in pochi giorni eravamo online.

Nel 2013 pagelines annuncia il successore di platform chiamato DMS, un sogno permetteva di modificare ogni aspetto del sito “disegnando le pagine” direttamente.

Ci costrinse a rifare il sito poichè platform e DMS erano due prodotti diversi e non permettevano un aggiornamento diretto, ci si perse diverse ore ma alla fine il risultato era abbastanza accettabile.

Sin da subito alcuni problemi furono chiari:

  • ogni template era basato sul DB e pur essendo un vantaggio in termini di flessibilità poteva rendere difficoltosa la gestione in caso di un aumento di utenza
  • alcune volte non salvava subito le impostazioni “disegnate”
  • permetteva di “disegnare” le pagine solo con Chrome
  • si basava su una versione, già allora, vecchia di bootstrap ossia la 2.x
  • costoso ma la licenza era per un numero illimitato di siti web

Si sperava però in un aggiornamento dato che pagelines aveva scelto di renderlo open source proprio per evitare che diventasse rapidamente obsoleto.

Qualche mese fa l’ennessima sorpresa, pagelines decide di abbandonare DMS e di passare ad un nuovo prodotto chiamato Platform 5, niente bootstrap, niente aggiornamento diretto (toccava rifare tutto), costo per sito e per anno (troppo).

La misura era decisamente colma e così abbiamo deciso di guardarci intorno e cercare delle alternative serie e trovammo: Divi, Enfold, Avada.

Passammo alcuni mesi a testare e a provare le tre diverse alternative ma anche a valutare le esperienze degli altri utenti e la serietà dell’azienda per non ritrovarci ancora una volta con un prodotto abbandonato.

La scelta finale è ricaduta su Avada proprio perchè è il più venduto e l’assistenza ci rispondeva abbastanza in fretta.

Ora veniva il bello: bisognava rifare ChatMe con il nuovo template senza fermare il sito, senza perdere il posizioni su google e causando il minimo impatto.

La via è stata quella di copiare il tutto in ambiente di test e riprodurre ogni singola pagina sul nuovo sistema, una volta terminato riportare il tutto al grande pubblico.

Finalmente nella giornata di ieri ci siamo riusciti e il risultato è sotto gli occhi di tutti.

Autore: Thomas

Mi occupo di informatica per un provider internet, nel tempo libero seguo il basket e ChatMe. Mi piace girare in bicicletta per il mio paese e per la campagna che lo circonda. Durante le ferie mi piace stare in montagna e passeggiare per i boschi.

Rispondi